CONOSCIAMO IL MONOPATTINO SPORTIVO

Intervista a Maria Turra di MyFootBike Italia

– Come nasce l’idea di MyFootBike Italia e di importare i Monopattini Sportivi?

Eravamo alla ricerca di un mezzo che permettesse a nostra figlia Matilde, allora sedicenne, di muoversi in autonomia; poiché la bicicletta non era la sua passione abbiamo pensato ad un monopattino, di dimensioni compatibili con la sua considerevole altezza (182cm). Abbiamo quindi cercato in rete, sotto la definizione ‘monopattino per adulti’. Come spesso succede, Google ha restituito risultati sorprendenti: ci sono comparsi diversi modelli di monopattino a ruote grandi, abbiamo acquistato un paio di pezzi per uso personale, ovviamente snobbati dalla suddetta figlia e ci siamo appassionati a questo sport, a metà tra la corsa e la bici.

Abbiamo scoperto che ad Ivrea esisteva già uno sparuto gruppetto di praticanti; li abbiamo contattati e ci hanno dato alcune indicazioni. Poi ci siamo lanciati in questo progetto. Siamo andati in Repubblica Ceca, patria della maggior parte dei produttori di monopattini a ruote grandi, e abbiamo chiesto loro se fossero interessati a vendere i questi prodotti in Italia, tramite noi: così è nata Myfootbike.

Ad oggi siamo l’unico distributore multi-brand in Italia, vendiamo principalmente online (www.myfootbike.it) e ci presentiamo al pubblico tramite fiere, eventi e manifestazioni sportive. Abbiamo coniato la definizione “monopattino sportivo” o “footbike” per differenziare nettamente questo oggetto dal monopattino giocattolo che tutti hanno in mente: le differenze sono evidenti e sostanziali, ma modificare una categoria mentale nelle persone non è facile. Ci stiamo ancora provando, dopo più di tre anni!

 

– Cos’è per te il monopattino sportivo?

Il monopattino sportivo è un mezzo di locomozione, un attrezzo sportivo e un grande alleato del benessere psicofisico. La sua semplicità d’uso, le sue molteplici varianti e la sua maneggevolezza, lo rendono unico. A me non piace correre; però amo la bicicletta, anche se non riesco più ad usarla costantemente per i disagi provocati dalla sella. Con il monopattino sportivo si combinano perfettamente le prestazioni della bici con l’efficacia della corsa, il classico uovo di Colombo!

 

 

– Tecnicamente, di quali parti si compone un monopattino?

Molto semplicemente: un telaio, due ruote (solitamente di diametro differente), un manubrio e doppi freni. Questa la configurazione base. L’evoluzione già in atto, ha portato sul mercato anche mezzi con freni a disco idraulici e forcella anteriore ammortizzata, per utilizzo off-road, altro campo d’azione ancora inesplorato in Italia. Le componenti principali del monopattino sportivo sono ovviamente le ruote, che conferiscono scorrevolezza al mezzo e i freni, che lo rendono estremamente sicuro; ed è qui che si vedono le più grandi innovazioni.

 

– Uno dice “Monopattino” e l’immagine è molto semplicistica e riduttiva: due ruote uniti da tubolari metallici. Eppure, sono molte le tipologie di monopattini. Quante varianti e tipi esistono?

Tipi molti, varianti infinite. Si possono catalogare i monopattini per diametro delle ruote, per destinazione d’uso e per fascia di prezzo. Per estrema sintesi, possiamo dire che esistono monopattini da strada, da discesa e da fuori strada; questi ultimi vengono anche utilizzati per l’attività cinofila, denominata dog-scooter. Il diametro minimo per un mezzo sportivo è 16”, al di sotto di questa misura le ruote, anche se performanti, non danno una resa sufficiente per percorrere distanze medio/lunghe. Fino ad ora, il diametro massimo è stato 29”, come per le biciclette, che restano le parenti più strette da imitare. Anche per il prezzo, i monopattini sportivi sono molto più simili alle biciclette che ai giocattoli: i mezzi da bambino partono da circa 150€ per un mezzo entry-level; da adulto vanno considerati circa 300€, ma si arriva facilmente a 1.000€ ed oltre per i monopattini più evoluti.

Chi acquista un monopattino ha il vantaggio di non avere poi grandi spese di manutenzione, a differenza di ciò che accade con le biciclette: la mancanza di parti meccaniche lo rende praticamente eterno.

In monopattino è tutta la famiglia a divertirsi: dai grandi ai più piccoli
– Esistono benefici psico-fisici per chi lo utilizza? Perché fa così bene al nostro corpo (e non solo)? Quali sono i muscoli sollecitati?

Il monopattino sportivo allena in modo completo tutto il corpo e può essere utilizzato come attrezzo trasversale nell’ambito di training multidisciplinari. I distretti coinvolti sono soprattutto quelli dei glutei, delle gambe, degli addominali ma anche i dorsali e i pettorali lavorano parecchio. Forse gli unici muscoli che restano a risposo durante l’esercizio con il monopattino sportivo sono quelli del collo…Si ha un beneficio a livello cardiocircolatorio; grazie all’impulso a terra della gamba propulsiva si ha un allungamento della catena cinetica posteriore e della muscolatura dorsale, dovuto alla posizione estesa che si assume durante la spinta. Il tutto, senza stress per le articolazioni, soprattutto le ginocchia, punto debole di tutti i corridori.

Il benessere che deriva dall’utilizzo del monopattino sportivo è, secondo me, dovuto al fatto che il movimento non è mai ripetitivo. Ognuno di noi può scegliere di variare il ritmo a suo piacimento, adattando il passo alla propria condizione fisica e al terreno, ottenendo risultati veloci e duraturi, in termini di forza fisica, resistenza e fiato.

– Il monopattino sportivo viene anche adoperato nel lavoro di traino coi cani (come allenamento o come pratica sportiva vera e propria). Tale utilizzo è nato nei paesi del Nord e oggi viene abitualmente chiamato scootering. Cosa ne pensi di questa attività?

Domanda insidiosa per la quale è necessaria molta cautela. Il mio pensiero è quello di buonsenso, ma non ha valenza professionale, dal momento che non ho competenze cinofile. Trovo che il traino con il monopattino sportivo sia molto divertente, sia per il cane che per l’umano; molto più sicuro della bicicletta, per ovvie ragioni di baricentro e di equilibrio; molto efficace per l’allenamento del binomio. Tuttavia, è necessario un minimo di preparazione: per il controllo del mezzo e tutto quanto riguarda il cane. Questa attività in Italia è ancora poco praticata; sono pochi i centri cinofili che la propongono e pochi i percorsi agibili in sicurezza. Nel nostro futuro vediamo collaborazioni con esperti cinofili, ai quali stia a cuore il benessere dell’animale e il divertimento del binomio.

 

 

 

– Senza svelare troppi dettagli, a breve MyFootBike Italia presenterà un nuovo mezzo… Vuoi anticipare qualcosa?

L’evoluzione dei mezzi è sorprendente: ogni azienda propone sempre modelli muovi, assecondando le richieste di un mercato piccolo, ma esigente. E così siamo sempre in grado di rispondere a tutte le domande, anche le più provocatorie: “Esiste un monopattino pieghevole?” – Si. “Esiste un monopattino da DH?” – Si. “Esiste un monopattino a spinta assistita?” – Si. “Esiste un monopattino XX?” – Si. Ma per ora non voglio dire altro.

 

– Per concludere, quali sono, secondo te, 5 motivi per prendere e utilizzare un monopattino sportivo?
  • Semplice
  • Sicuro
  • Divertente
  • Veloce
  • Allenante

 

Per maggiori informazioni www.myfootbike.it oppure seguite MyFootBike Italia su Facebook 😉

 

Tutte le fotografie sono state prese sulla pagina Facebook pubblica di MyfootBike Italia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...